Caratteristiche

Automatizzazione

Automatizazzione e setup rapido

Semplice da configurare, definisci quali sono i server di destinazione e la relativa priorità e peso. Stabilisci poi eventualmente le politiche per l’inoltro automatico in base ai metadati contenuti nelle foto e nei video, per singolo server o per gruppi. Puoi rivedere le impostazioni in qualsiasi momento.

Altavelocita

Consegna parallela ad alta velocità

MomaBlast usa uno scheduler flessibile con politiche di accodamento avanzate che ti permette di poter garantire performance eccellenti e la consegna dei file ai tuoi partner in tempo reale. Per i partner che non necessitano di avere i file in tempo reale, puoi assegnare una priorità più bassa e risparmiare nel costo del servizio.

Errori

Ripristino automatico degli errori

Non devi preoccuparti dei problemi di connessione. MomaBLAST individua il tipo di errore e applica automaticamente la soluzione più adeguata per il ripristino e il re-invio dei file.

Monitoraggio

Monitoraggio e statistiche

MomaBlast ti fornisce in tempo reale i dati sui file in coda con i tempi di attesa e di consegna per ogni server di destinazione. Fornisce inoltre i dati storici giornalieri per ogni server e le statistiche sui tempi medi di attesa, la velocità di connessione e la banda utilizzata.

Tariffe

Piani tariffari scalabili.

Il nostro listino si adatta a tutte le esigenze: il prezzo è accessibile anche per le organizzazioni di dimensioni ridotte, paghi solo per quello che usi.

Flusso Lavoro

Soluzioni su misura per il flusso di lavoro

Grazie alla sua architettura su livelli, MomaBLAST è pronto per essere personalizzato in base ai tuoi bisogni. Specifici protocolli di trasporto possono essere implementati per creare un'interfaccia con il server di destinazione del tuo partner.

Come è fatto MomaBlast

La prima cosa da configurare in MomaBLAST è la lista dei server di destinazione con l'intero set di parametri necessari per aprire una connessione (indirizzo, username, password, percorso...). Di solito un server di destinazione è di tipo ftp ma possono essere implementati altri protocolli di applicazione. ogni server di destinazione deve essere parte di uno o più pool di server. Ogni pool ha un nome univoco a cui fanno riferimento i feeder. I feeder sono i mezzi attraverso i quali i file entrano nel motore di MomaBLAST. Un feeder può essere un'interfaccia “http” interface ad uno specifico endpoint, una connessione ftp al daemon ftp di MomaBLAST o un cliente MomaPIX configurato per la distribuzione. Non appena il file arriva, è legato ad un pool e lo scheduler gestirà la sua distribuzione in base alla policy e alla disponibilità di canali. E' possibile creare cartelle di destinazione dinamiche. Ogni step del processo di distribuzione sarà riportato real-time in una dashboard. Lo status sarà riportato anche in tabelle storiche e statistiche sulla distribuzione dei dati.

I concetti di MomaBLAST si comprendono meglio se vengono spiegati alcuni termini fondamentali:

Server di destinazione

E' un server al quale vuoi distribuire contenuti. Ogni server di destinazione deve essere configurato con l'intero set di parametri necessari per aprire una connessione e può essere descritto da un livello di priorità e peso numerico. Lo scheduler userà la priorità e il  peso per organizzare l'uso dei canali disponibili.

Pool

E' una lista nominata di server di destinazione. Il nome del pool è il suo identificatore univoco ed è usato dai feeder al fine di aggiungere i file alla coda giusta. Un server di destinazione può essere parte di uno o più pool.

Feeder

E' il mezzo attraverso il quale i file entrano nel motore di MomaBLAST. Esistono tre tipi di feeder: feeder “HTTP”, feeder “FTP” e feeder MomaPIX. Un feeder deve essere sempre legato a un pool di server. Quest'unione viene compiuta dall'identificatore del pool.

Policy

E' il set di regole usato dallo scheduler per smistare e distribuire i file. Una policy si basa su pesi e priorità. Per prima cosa ci si occupa del server di distribuzione ad alta priorità. I server con la stessa priorità sono gestiti ciclicamente a seconda dei loro pesi.

Canale

E' una connessione a un server di distribuzione. Ogni canale trasporta un file alla volta. Se usi più canali, vengono distribuiti più file. Per massimizzare il volume, è opportuno un rapporto minimo tra server di destinazione e canali.

Scheduler

E' il cuore del motore. Tra le sue responsabilità possiamo sottolineare alcuni compiti fondamentali:  smistare i files, reagire alle modifiche nella configurazione, applicare regole di policy, gestire errori di connessione, ottimizzare l'uso di canali e riportare lo stato delle attività.